Denunciare gli Immigrati…i Medici non sono POLIZIOTTI !!

Clandestini denunciati dai medici

Sì del Senato alla norma contestata

Stretta su internet: vietati i siti su mafia, violenza, razzismo

ROMA – I medici potranno denunciare all’autorità giudiziarie gli immigrati clandestini. Le persone senza fissa dimora saranno schedate. La tassa per il permesso di soggiorno è fissata da 80 a 200 euro. Autorizzate inoltre le “ronde padane” ma non armate. Dopo che il governo ieri è stato battuto tre volte sulla stretta sui centri di permanenza e sui ricongiungimenti familiari, oggi il Senato è andato avanti rapidamente nelle votazioni degli ultimi dei 55 articoli e ha approvato il disegno di legge sulla sicurezza pubblica con 154 voti favorevoli, 114 contrari e nessun astenuto. Il provvedimento passa ora all’esame della Camera.

Carcere e tassa permesso di soggiorno. Il Senato ha cominciato con l’emendamento della Lega che cancella la norma per cui il medico non deve denunciare lo straniero che si rivolge a strutture sanitarie pubbliche. L’emendamento, passato con 156 sì, 132 no, un astenuto, oltre a dare la possibilità ai medici di denunciare i clandestini che si rivolgono per cure alle strutture sanitarie pubbliche, prevede il carcere fino a quattro anni per i clandestini che rimangono sul territorio nazionale nonostante l’espulsione e fissa da 80 a 200 euro la tassa per il permesso di soggiorno.

Veltroni: “Dottori-poliziotti, inumano e razzista”. Prima che il Senato desse il via libera alla possibilità del medico di denunciare i clandestini, l’opposizione si è appellata al “buonsenso” per non introdurre una norma che “riduce il medico a fare il delatore”, costringendo i clandestini a “non farsi curare per paura”. Venendo così contro ai più elementari diritti umani che vengono prima di quelli della cittadinanza.

<!–
OAS_RICH(‘Middle’);
//–>


A voto avvenuto, Walter Veltroni ha duramente criticato la norma, definendo l’idea dei medici-poliziotti “inumana e razzista”. “Considero questo emendamento – ha detto il segretario del Pd – una cosa vergognosa. L’idea di creare le condizioni per le quali persone che sono ammalate abbiano paura di farsi curare è un’idea inumana, è un’idea che meriterebbe una risposta, da parte di tutti coloro i quali hanno a cuore la vita, molto forte e determinata”.

Il senatore Daniele Bosone, ha osservato che questa norma “straccia il codice deontologico dei medici” e si corre “il concreto rischio di incentivare una medicina parallela che gli illegali utilizzeranno per non essere denunciati se vanno in ospedale o da un medico”. Secondo Bosone, peraltro, il rischio che “clandestini con malattie che portano dal loro paese non si faranno curare” con conseguenze per la stessa sanità pubblica.

Polemiche dopo l’approvazione al Senato dell’emendamento della Lega al ddl sicurezza
Rosy Bindi promette “un’opposizione durissima”, Finocchiaro: “spaventoso manifesto ideologico”

La Cei sugli immigrati clandestini
“Noi non denunceremo nessuno”

La Cgil invita i medici all’obiezione. Gino Strada: “Garantire assistenza a tutti senza distinzioni”

ROMA – Reazioni e polemiche all’approvazione del ddl sicurezza al Senato, in particolare sull’emendanmento della Lega che di fatto consente ai medici di denunciare lo straniero che si rivolge a strutture sanitarie pubbliche. Dopo la protesta di Medici senza frontiere che parla di una “legge contro la Costituzione”, interviene anche la Cei, contraria alla norma: “Alla Chiesa competerà sempre di aiutare le persone in pericolo di vita. Le leggi sono votate secondo le regole della democrazia, ma noi continueremo ad aiutare poveri immigrati non regolari”, dice monsignor Domenico Segalini.

E il leader della Fp Cgil, Carlo Podda invita i sanitari “all’obiezione” e alla “disobbedienza civile” se il provvedimento dovesse essere approvato in via definitiva alla Camera. Mentre Rosy Bindi, vicepresidente di Montecitorio, promette “un’opposizione durissima”. Il governo, ha detto Bindi, “straccia la Costituzione che riconosce il diritto alla salute come un diritto della persona, un diritto di tutti, compresi gli stranieri e i clandestini”.

Gino Strada: «L’emendamento anti immigrati: una norma stolta prima
ancora che perversa»

A oggi, in Italia, una legge vieta al personale sanitario di
denunciare gli immigrati conosciuti per ragioni di cura, anche se la
loro presenza in Italia non fosse regolare. Un emendamento approvato
al Senato intende sopprimere questa norma. Si metterebbero cosi’ gli
individui nella condizione di scegliere fra l’accesso alle cure e il
rischio di una denuncia; si spingerebbe parte della popolazione
presente in Italia nella clandestinita’ sanitaria, con grandi rischi
per se’ e per la collettivita’.

Si vuole affidare ai singoli medici la scelta se garantire lo stesso
diritto alla cura a tutti gli individui, nel miglior interesse del
paziente e nel rispetto del segreto professionale, oppure se
esercitare la facolta’ di denunciare i loro pazienti “irregolari”.

Secondo tutti i medici che ho conosciuto e apprezzato, l’unico modo
giusto e civile per fare medicina e’ garantire a tutti la miglior
assistenza possibile, senza distinzione alcuna riguardo a colore della
pelle, sesso, convinzioni politiche, religiose o culturali,
nazionalita’ o status giuridico. Questo e’ il modo in cui Emergency ha
lavorato, per quindici anni in tredici diversi paesi, curando tre
milioni di persone senza distinzioni. Questo e’ il modo con cui
continuiamo a lavorare, anche in Italia, nel Poliambulatorio per
migranti e persone indigenti di Palermo.

Anche di fronte all’incivilta’ sollecitata da una norma stolta prima
ancora che perversa, sono certo che i medici italiani agiranno nel
rispetto del giuramento di Ippocrate, nel rispetto della Costituzione
e della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. Nel rispetto,
soprattutto, di chiunque si rivolga a loro avendo bisogno di un
medico.

Come Studente di Medicina (quindi nel mio piccolo…..) mi oppongo a questa miope legge.
Si rischia di far diffondere malattie gravi ( TBC, peste, lebbra, ecc.) importate attraverso flussi migratori ancora troppo poco controllati dalle nostre autorità.

Divieto di segnalazione

Siamo medici e infermieri, non siamo spie

Medici Senza Frontiere (MSF), Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI), Società Italiana di Medicina delle Migrazioni (SIMM) e Osservatorio Italiano sulla Salute Globale (OISG) lanciano un appello per chiedere ai Senatori di respingere l’emendamento che elimina il principio di non segnalazione alle autorità per gli immigrati irregolari che si rivolgono a una struttura sanitaria.

fonte: http://www.divietodisegnalazione.medicisenzafrontiere.it/

Annunci

Il Vaticano non Recepirà più le Leggi Italiane

Dall’Osservatore romano le motivazioni che hanno portato la Santa sede
a modificare dal primo gennaio prossimo il meccanismo in vigore dal ’29

Leggi italiane troppe e illogiche
il Vaticano non le recepirà più

“Spesso le norme contrastano con principi non rinunziabili da parte della Chiesa”

OAS_RICH(‘Left’);
Leggi italiane troppe e illogiche il Vaticano non le recepirà piùUna veduta di Roma con la cupola di San Pietro

CITTA’ DEL VATICANO – Le leggi italiane sono troppe, mutevoli e spesso contraddittorie tra loro, per non parlare di quelle norme che di fatto contrastano con la morale cristiana. Questo duro giudizio, formulato dall’Osservatore romano, è una delle motivazioni che hanno portato il Vaticano a modificare il meccanismo che quasi automaticamente recepiva nel piccolo Stato le leggi italiane.

Il quotidiano della Santa sede commenta l’entrata in vigore il prossimo primo gennaio della nuova legge sulle fonti del diritto approvata lo scorso primo ottobre dal Papa, in sostituzione della legge, fino a oggi vigente, del 7 giugno 1929. Si tratta, scrive il giornale, di “un evento importante per l’ordinamento giuridico dello Stato della Città del Vaticano”.

Tra i cambiamenti, precisa il giornale, cambia il meccanismo che portava a recepire nel piccolo Stato le leggi italiane, come conseguenza del fatto che “in non poche occasioni i ‘Romani pontefici’ hanno riconosciuto la maggioranza o quasi totalità dei sudditi vaticani come cittadini italiani”. “Mentre nella legge precedente – spiega la nota – operava una sorta di recezione automatica che si presumeva come regola, solo eccezionalmente rifiutata per motivi di radicale incompatibilità con leggi fondamentali dell’Ordinamento canonico o dei trattati bilaterali, nella nuova disciplina si introduce la necessità di un previo recepimento da parte della competente autorità vaticana. Tale norma è vigente anche nei casi nei quali potrebbe presumersi una recezione ope legis”.

Per l’Osservatore, “più di un motivo sembra giustificare quest’ulteriore cautela nella recezione della legislazione italiana, rispettata nella sua propria sovranità, ma chiamata nello stesso tempo a rispettare e a confrontarsi con quella vaticana”. “Ne indichiamo – si afferma nella nota – solo tre: in primo luogo il numero davvero esorbitante di norme nell’Ordinamento italiano, non tutte certamente da applicare in ambito vaticano; anche l’instabilità della legislazione civile per lo più molto mutevole e come tale poco compatibile con l’auspicabile ideale tomista di una lex rationis ordinatio, che, come tutte le operazioni dell’intelletto, cerca di per sé l’immutabilità dei concetti e dei valori; e infine un contrasto, con troppa frequenza evidente, di tali leggi con principi non rinunziabili da parte della Chiesa”.

Perfetto !!! Libera Chiesa in Libero Stato

Che bel 2009 si prospetta……

Blog Apartitico non vuol dire Apolitico !!

Questo blog è per definizione apolitico/apartitico come (del resto) il suo blogger (ovvero io, che odio l’attuale classe politica!).

Purtroppo per l’Università le cose si stanno mettendo male per colpa della “classe politica italiana intera”.

Mi sto informando sull’argomento tagli all’Università / Riforme .

Pubblicherò una serie di articoli inserendo testo e fonte senza aggiungere niente…ognuno potrà farsi una propria idea.

Saranno soprattutto estratti da siti internet che ho navigato e che parlano dell’argomento.

Inizio con il pubblicare l’estratto del DL 112, divenuto Legge 133.

Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112

“Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione Tributaria”

pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008 – Suppl. Ordinario n.152/L

fonte: http://www.camera.it/parlam/leggi/decreti/08112d.htm

Capo V
Istruzione e ricerca

Art. 16.
Facoltà di trasformazione in fondazioni delle università

1. In attuazione dell’articolo 33 della Costituzione, nel rispetto delle leggi vigenti e dell’autonomia didattica, scientifica, organizzativa e finanziaria, le Università pubbliche possono deliberare la propria trasformazione in fondazioni di diritto privato. La delibera di trasformazione e’ adottata dal Senato accademico a maggioranza assoluta ed e’ approvata con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze. La trasformazione opera a decorrere dal 1° gennaio dell’anno successivo a quello di adozione della delibera.

2. Le fondazioni universitarie subentrano in tutti i rapporti attivi e passivi e nella titolarità del patrimonio dell’Università. Al fondo di dotazione delle fondazioni universitarie e’ trasferita, con decreto dell’Agenzia del demanio, la proprietà dei beni immobili già in uso alle Università trasformate.

3. Gli atti di trasformazione e di trasferimento degli immobili e tutte le operazioni ad essi connesse sono esenti da imposte e tasse.

4. Le fondazioni universitarie sono enti non commerciali e perseguono i propri scopi secondo le modalità consentite dalla loro natura giuridica e operano nel rispetto dei principi di economicità della gestione. Non e’ ammessa in ogni caso la distribuzione di utili, in qualsiasi forma. Eventuali proventi, rendite o altri utili derivanti dallo svolgimento delle attività previste dagli statuti delle fondazioni universitarie sono destinati interamente al perseguimento degli scopi delle medesime.

5. I trasferimenti a titolo di contributo o di liberalità a favore delle fondazioni universitarie sono esenti da tasse e imposte indirette e da diritti dovuti a qualunque altro titolo e sono interamente deducibili dal reddito del soggetto erogante. Gli onorari notarili relativi agli atti di donazione a favore delle fondazioni universitarie sono ridotti del 90 per cento.

6. Contestualmente alla delibera di trasformazione vengono adottati lo statuto e i regolamenti di amministrazione e di contabilità delle fondazioni universitarie, i quali devono essere approvati con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze. Lo statuto può prevedere l’ingresso nella fondazione universitaria di nuovi soggetti, pubblici o privati.

7. Le fondazioni universitarie adottano un regolamento di Ateneo per l’amministrazione, la finanza e la contabilità, anche in deroga alle norme dell’ordinamento contabile dello Stato e degli enti pubblici, fermo restando il rispetto dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario.

8. Le fondazioni universitarie hanno autonomia gestionale, organizzativa e contabile, nel rispetto dei principi stabiliti dal presente articolo.

9. La gestione economico-finanziaria delle fondazioni universitarie assicura l’equilibrio di bilancio. Il bilancio viene redatto con periodicità annuale. Resta fermo il sistema di finanziamento pubblico; a tal fine, costituisce elemento di valutazione, a fini perequativi, l’entità dei finanziamenti privati di ciascuna fondazione.

10. La vigilanza sulle fondazioni universitarie e’ esercitata dal Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze. Nei collegi dei sindaci delle fondazioni universitarie e’ assicurata la presenza dei rappresentanti delle Amministrazioni vigilanti.

11. La Corte dei conti esercita il controllo sulle fondazioni universitarie secondo le modalità previste dalla legge 21 marzo 1958, n. 259 e riferisce annualmente al Parlamento. 12. In caso di gravi violazioni di legge afferenti alla corretta gestione della fondazione universitaria da parte degli organi di amministrazione o di rappresentanza, il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca nomina un Commissario straordinario senza oneri aggiuntivi a carico del Bilancio dello Stato, con il compito di salvaguardare la corretta gestione dell’ente ed entro sei mesi da tale nomina procede alla nomina dei nuovi amministratori dell’ente medesimo, secondo quanto previsto dallo statuto.

13. Fino alla stipulazione del primo contratto collettivo di lavoro, al personale amministrativo delle fondazioni universitarie si applica il trattamento economico e giuridico vigente alla data di entrata in vigore della presente norma.

14. Alle fondazioni universitarie continuano ad applicarsi tutte le disposizioni vigenti per le Università statali in quanto compatibili con il presente articolo e con la natura privatistica delle fondazioni medesime.

REAZIONI

Docenti e presidi hannio lanciato una raccolta di firme contro i tagli del governo
Da Asor Rosa a Bevilacqua, da Curi a Vattimo: “Ricerca a rischio e in mano ai privati”

Dagli atenei l’appello ai rettori
“Bloccare l’anno accademico”

di VALENTINA CONTE

Bloccare l’inaugurazione dell’anno accademico. In tutte le università italiane. Per difendere la ricerca e la qualità dell’insegnamento e fermare i tagli alle risorse già scarse decisi dalla legge 133, l’ex decreto Brunetta. L’appello c’è, e si apre all’adesione dei docenti italiani. Scritto da Piero Bevilacqua, ordinario di Storia contemporanea alla Sapienza di Roma, ha già raccolto firme eccellenti: Asor Rosa, Vattimo, Curi. Tante si vanno aggiungendo anche con la sottoscrizione online.

continua

fonte: Repubblica.it

Appello ai Rettori contro il DL Tremonti, ora legge 133.

I sottoscritti docenti di varie Facoltà e Università italiane protestano vibratamente contro i recenti provvedimenti governativi varati con la Legge 133 del 6 agosto 2008. Come già hanno denunciato molti Dipartimenti, Facoltà, gruppi di docenti, si tratta di misure che sottraggono risorse alla ricerca, riducono il personale docente e amministrativo, restringono lo spazio vitale dell’Università sancendone l’emarginazione irreversibile nella vita del Paese.

continua

fonte: http://salvarelaricerca.blogspot.com/2008/10/appello-ai-rettori-contro-il-dl.html

REAZIONI DI TIPO POLITICO

Durante l’Estate: I provvedimenti del Governo

Approfittando dell’Estate, l’attuale Governo ha approvato il DL 112, poi convertito in Legge 133 del 6 Agosto. Il decreto contiene una serie di misure economiche che vanno a colpire duramente il settore pubblico. Ma chi ne risentirà maggiormente sarà proprio l’Università statale, vittima di tagli indiscriminati che raggiungono 1 miliardo e 500 milioni di euro in 5 anni. Inoltre, la Legge contempla la possibilità per gli Atenei di trasformarsi in Fondazioni di diritto privato.

Ciò comporterebbe una serie di conseguenze negative, per tutto il mondo dell’Università e non solo: scomparirebbe il tetto massimo del 20% del FFO per le tasse universitarie, che raggiungerebbero livelli altissimi, trasformandosi da contribuzione a reale fonte di sostentamento per la gestione economica dell’Ateneo; si verrebbe a determinare una netta distinzione tra Atenei di serie A e Atenei di serie B, con differente valore del titolo di studio. Questa legge sancirebbe l’ingresso dei privati negli organi di governo degli Atenei, condizionandone, non solo la gestione economica, ma soprattutto i due cardini fondamentali: la Ricerca e la Didattica, che verrebbero completamente sottomesse alle perverse logiche di mercato. In questo modo alcuni settori, in particolare quelli dell’area tecnico – scientifica e medica, potranno fare Ricerca, non più libera, ma solo alle condizioni dettate dagli enti privati che le finanziano (già ci immaginiamo le Banche, le lobby delle armi e della produzione militare, le potenti case farmaceutiche, ecc.); altri, quelli dell’area umanistico – sociale, non avrebbero alcun futuro di Ricerca, perchè non producono nulla di “vendibile”. L’attacco del Governo è mirato a colpire i fondamenti dell’Università pubblica e a sancirne il definitivo declino, reintroducendo un forte classismo nell’istruzione in base al censo. Da parte di un governo autoritario come l’attuale, attaccare così duramente l’istituzione universitaria è il modo migliore per tentare di reprimere ogni sviluppo di una coscienza critica e di ogni forma di dissenso. Secondo noi le linee di Ricerca seguite all’Università devono essere dettate esclusivamente da logiche culturali e svincolate da interessi commerciali: solo così è possibile una Ricerca libera, su cui si basa il progresso di una società.

fonte: http://www.studentidisinistra.org/content/view/487/1

LEGGE 133, L’UNIVERSITA’ CADE A PEZZI, GOVERNI CHE CAMBIANO, LA PRIVATIZZAZIONE è ARRIVATA!

Lo scorso luglio il governo Berlusconi ha lanciato l’ultima offensiva all’istruzione

italiana: il decreto legge 112, che oltre alla scuola e all’università attacca gran

parte del settore pubblico, contiene un percorso obbligato che porta alla fine

dell’università pubblica in Italia.
I principali punti del DL 112 sono:
riduzione dell’FFO (Fondo di Finanziamento Ordinario) del 20% entro i prossimi cinque

anni: 1,5 miliardi di euro in meno alle università italiane, 116 milioni di euro in

meno solo alla Sapienza;
tagli al personale docente e amministrativo di circa il 50% in cinque anni: nei

prossimi due anni l’università potrà assumere una persona ogni cinque persone

pensionate, e dal 2012 una ogni due persone pensionate;
possibilità per le università italiane di diventare fondazioni private: se i tagli

all’FFO risulteranno incolmabili, gli atenei saranno costretti a trovare aziende

private non solo che le finanzino, ma che entrino anche nella loro gestione

amministrativa.
I Senati Accademici di molte università italiane prevedono entro i prossimi cinque

anni di dover TRIPLICARE le tasse universitarie, non riuscendo altrimenti nemmeno a

coprire gli stipendi del personale.

Una politica così rigida sul turnover dei lavoratori impedirà la stabilizzazione dei

precari e renderà ancora più difficile ai giovani laureati intraprendere la carriera

accademica.

Inoltre l’inserimento dei privati nelle amministrazioni universitarie farà sì che a

guidare l’istruzione sia il profitto dei singoli e non la libera ricerca di base e la

qualità del sapere.
Questo DL è l’ultimo attacco di un processo iniziato più di dieci anni fa e portato

avanti con continuità dai governi di centrodestra e da quelli di centrosinistra: lo

stesso processo che ha portato all’istituzione dei numeri chiusi alle lauree

triennali e specialistiche, agli aumenti delle tasse universitarie e all’ingresso di

capitali privati nella ricerca pubblica.

fonte:http://www.psicollettivo.org/index.php?option=com_content&task=view&id=92&Itemid=9

NO ALLA LEGGE N^133 ex DL 112 TREMONTI!

Siamo di fronte all’ennesima rivoluzione dell’università introdotta da un semplice comma dell’ex decreto 112, ora legge 133 di Tremonti sulla finanza pubblica!

Questi tagli, che servono da copertura al taglio dell’ici e a un’azzardata manovra su Alitalia, stravolgono completamente il fondamento pubblico dell’istruzione: le università possono trasformarsi in fondazioni di diritto privato e ricevere donazioni esentasse sul modello delle charities americane.

L’Udu ritiene molto pericolosa e allo stesso tempo ridicola una simile trasformazione epocale dell’Università per diversi motivi:

fonte: http://www.uduroma.it/news/221-universita-senza-un-euro.html

Purtroppo non ho trovato alcuna reazione da parte della destra nè un commento riguardante la legge; se trovate qualche link informatemi pure.

Ne hanno parlato anche:

http://pierga89.blogspot.com/2008/10/legge-13308-svendita-dellistruzione.html