La Guerra c’è, per questo “Pappagalli verdi” esiste.E dobbiamo leggerlo.

Pappagallli Verdi” di Gino Strada

Editore: Feltrinelli, Anno 2000, Prezzo: 6,50 € , ISBN: 9788807816062

Immagine di Pappagalli verdi

In un blog che tratta di argomenti Medici e di Medicina non si poteva non inserire la recensione di un libro che parla di Medici o, meglio, dell’operato dei Medici in prima linea nei luoghi di guerra.
Ma “Pappagalli verdi” non è solo questo.
“Tutti sappiamo che la guerra è brutta, insensata, drammatica…Sappiamo che la guerra colpisce sempre i più deboli, che ci sono troppe morti di civili; morti insensate, inspiegabili, inaccettabili…

Leggo il titolo del libro: “Pappagalli verdi”, di Gino Strada.

Sai che Gino Strada è un chirurgo, che è il fondatore di Emergency e che ha accumulato negli anni molte esperienze di Guerra collaborando anche con la C.R.I.
Pensi che, in fin dei conti, sia un libro che narra soprattutto di esperienze personali, di interventi sanitari in zone “calde”; esperienze drammatiche quanto vuoi, ma comunque rese sopportabili dallo scrittore.

Ed invece no.

La descrizione non è incentrata eminentemente su esperienze personali, sul percorso di crescita di un chirurgo di guerra reso possibile da tali esperienze: pappagalli verdi è tutt’altro.

E’ la descrizione di una guerra schifosa perchè scaltra, cieca, razionale; la guerra delle mine anti-uomo.
E’ una guerra combattuta per anni da un esercito invisibile, che le nazioni lasciano nascosto sotto la terra per l’eternità…o quasi.

E’ una guerra combattuta da oggetti metallici inerti fino al momento in cui un bambino che sta giocando oppure un adulto che cerca un pò di metallo da rivendere al mercato locale, non attivano il semplice meccanismo sensore-detonatore-esplosivo.. .e poi il silenzio, il fischio nelle orecchie, il dolore.

Ma questi “soldati” possono essere tutt’altro che immobili e inerti…possono volare, gettati da un elicottero che li distribuisce su miglia e miglia quadrate di terreno, fino a quando un bambino, attirato dai colori sgargianti di questi “pappagalli verdi”, non ne prende uno in mano e lo maneggia.
Magari lo fa vedere agli amici, ci gioca insieme…queste “mine mascherate da natura” sono bastarde proprio perchè progettate per fare male, per esplodere quando ci sono più bambini intorno; sono costruite non per uccidere, ma per mutilare.

E’ questo “Pappagalli verdi”, un libro che narra di persone, soprattutto bambini, mutilati dall’azione di una guerra condotta per stroncare i giovani, per non ucciderli ma per mutilarli per tutta la vita, per farli soffrire per tutta la vita.
E’ una storia di dolore, di lotta contro schegge che perforano intestini, amputazioni per salvare persone sacrificando arti spappolati o bruciati, lotte contro emorragie incurabili perchè il sangue è riservato ai militari e non ai civili…
E’ cronaca di bambini che preferiscono tentare il suicidio purch di vivere da ciechi, ma è anche storie di persone con la forza di reagire e la voglia di vivere; purtroppo quei bambini che sono già abituati a soffrire.

Ma pappagalli verdi è anche la storia di infermieri, volontari, chirurghi che lottano ogni giorno per portare assistenza medica ed umanità nei luoghi dove la guerra è vicina e dove le pallottole ti svegliano mentre stai dormendo, tenendoti per cinque ore in un sottoscala con la morte davanti agli occhi.

Pappagalli verdi è cronaca di realtà impensabili, di crudeltà inaudita, della guerra combattuta con la bandiera dell’umanità e del soccorso, messa sulla Jeep ma anche portata nel cuore, nel gran cuore di queste persone.

Pappagalli verdi non dovrebbe esistere perchè le menti più stupide di questa terra non avrebbero dovuto partorire la guerra…

Purtroppo pappagalli verdi c’è…dobbiamo ringraziare Gino Strada per quello che fa e per aver scritto questo libro.

Non possiamo non odiare la guerra…e “Pappagalli verdi” ci aiuta in questo.

Dobbiamo leggerlo.”

Recensione a cura di DoctorGray N.H.I. tratta dal sito : http://www.anobii.com/books/Pappagalli_verdi/9788807816062/017d67e6c46c585475/

L’Autore: Gino Strada


http://it.wikipedia.org/wiki/Gino_Strada

http://www.google.it/search?q=gino+strada&ie=utf-8&oe=utf-8&aq=t&rls=org.mozilla:it:official&client=firefox-a

I libri di Gino Strada

http://www.lafeltrinelli.it/catalogo/aut/258789.html


Annunci

Libro: “Con Cura” di Atul Gawande

Con Cura” di Atul Gawande

Editore: Einaudi, Anno 2008, prezzo 18,00€, ISBN: 8806191462

Immagine di Con cura

“Ogni Medico vive la propria vita (soprattutto professionale)in modo diverso, perseguendo obiettivi diversi percorrendo strade diverse.

Ci sono Medici e Medici; medici che tengono più al portafoglio, medici che non dormono la notte per pensare ai propri pazienti, a come migliorarsi e come migliorare l’equipe.
Accomunati da un unico credo (quello di curare il prossimo), odiano ogni tipo di errore, vogliono essere sempre al top.

Atul Gawande è un Chirurgo Generale che ha impostato la sua vita su tre semplici concetti: scrupolosità, fare la cosa giusta, ingegnosità.

Attraverso una serie di racconti vengono analizzate tali concetti, che in Medicina divengono quotidiano metodo di azione, “protocollo d’attività”.

Nel libro si legge di Chirurghi che inviano in patria Soldati con ferite aperte all’addome; Medici che controllano ogni casa di un piccolo paese Indiano per verificare che tutti i bambini siano stati vaccinati contro la polio.

Vengono quindi presentati Medici che si domandano se sia “la cosa giusta da fare” per ogni azione, anche routinaria, che attuano, quale far spogliare un paziente femmina, se applicare o meno la pena di morte iniettando il Sodium Trienthotal,ecc.

Nell’ultima parte l’ingegnosità mette in risalto il lato intelligente del Medico.
Si legge di Ginecologi che attuano tecniche migliori pur andando contro standard operativi consolidati, Pneumologi che non si fermano mai e voglio che il paziente affetto da fibrosi cistica respiri al 110%; anche un punto percentuae di meno vuol dire mesi in meno di vita.

Leggendo questo libro si capisce che non tutti i Medici sono pessimi, scontrosi, incapaci.

Nel mondo ci sono fantastiche eccelenze, protettori della Salute competenti, intelligenti, preparati, sensibili.

Nel mondo ci sono ancora i Medici Scienziati con un gran cuore, che cercano di migliorare la Salute di tutti.
E questo è un bene per tutti noi.

Sicuramente da leggere.”

Commento postato da DoctorGray N.H.I. su : http://www.anobii.com/books/Con_cura/9788806191467/018c25c96750d6ef20/

Libro

La scheda del libro sul sito dell’editore Einaudi : http://www.einaudi.it/einaudi/ita/catalogo/scheda.jsp?isbn=978880619146&ed=87

I libri di A.Gawande sul sito Feltrinelli.it : http://www.lafeltrinelli.it/catalogo/aut/716697.html

Il Prof.Gawande sul Web:

Wikipedia: http://en.wikipedia.org/wiki/Atul_Gawande

Harvard University Site: http://www.hsph.harvard.edu/faculty/atul-gawande/

Sito Internet del Prof. : http://www.gawande.com/

Biografia: http://www.gawande.com/bio.htm

Recensione libro: “Staminalia” di A.Massarenti

Armando Massarenti
“Staminalia. Le <cellule etiche> e i nemici della ricerca”

Editore Guanda, 2008, ISBN: 9788860889102
link al sito: http://www.guanda.it/scheda.asp?editore=Guanda&idlibro=6374&titolo=STAMINALIA

Immagine di Staminalia

“Inutile nasconderlo: tutti siamo interessati alla nostra salute.
Vorremmo raggiungere l’immortalità o, perlomeno, condurre una vita priva di “stenti e lamenti”, priva di dolore.
Vorremmo essere refrattari alle malattie, a qualsiasi malattia.
Poi si scopre che alcune malattie sono dentro di noi, sono congenite o latenti…
E allora togliamo i fattori di rischio che possono causare la malattia, crediamo a scoperte che potrebbero migliorarci la vita…
Ma quanto sono attendibili tali notizie?? Sono dimostrate da studi veritieri?? Quanto i mass-media sono soggiogati ad interessi politici/ideologici/religiosi/economici??
La salute è nostra; vogliamo credere a tutto per avere la speranza di salvarci nell’eventualità che una malattia ci voglia portare via da questa terra.
E tutti ci danno a credere delle cose non vere…per coprire chi??Per aiutare chi??Per sviarci da cosa??

Staminalia è un libro che analizza approfonditamente quali sono i problemi che attanagliano la ricerca sulle cellule staminali.
Mette in luce i limiti delle cellule staminali “adulte”, presenti nei tessuti formati da cellule “instabili”, le quali si dividono ad intervalli regolari per mantenere l’omeostasi numerica del tessuto stesso; tali cellule non sono pluripotenti e quindi non facilmente possono fare il “salto di specie”, non possono divenire un tessuto diverso…insomma: il cervello non diviene sangue, e viceversa (anche se al riguardo ci sono studi in corso).

Si comprende quindi che gli studi sulle cellule staminali sono ancora ad uno stadio embrionale, i risultati di alcuni trials clinici con le staminali sono affetti da errore; di embrionale oggi ci servirebbero proprio le “staminali embrionali”.

Purtroppo non si possono utilizzarle perchè non sappiamo se 4-8-16 cellule sono un essere vivente a tutti gli effetti e, come tale, avente paritari diritti di un neonato.
L’autore analizza, quindi, il processo di sviluppo embriologico fino alla gastrulazione, manifestando la propria presa di posizione e dimostrandoci che, fino al 14gg, l’embrione non è uno, ma potrebbero essere due, tre……

Segue poi l’analisi di tutta una serie di ricerche sulle cellule staminali adulte che non hanno dimostrato la capacità di guarigione.
Alcuni affermano il contrario, ci danno a credere il contrario,  e chiedono di impiegare in ricerca solo le cellule staminali adulte.
Ma non possiamo mandare in pensione le embrionali; ci possono dare ancora tanto, ci possono far comprendere meccanismi cellulari importanti nello sviluppo tumorale, possono darci speranza…

Leggendo i vari capitoli si può immaginare quali siano le difficoltà che ricercatori devono affrontare nel lavorare in un campo così limitato bioeticamente (non sempre in modo razionale, ma per presa di posizione), si comprende quali siano le spinte economiche e gli interessi che sono sottesi alla potenzialità della ricerca in tale campo.
Si è arrivati perfino a cercare una via alternativa alla ricerca sulle cellule staminali embrionali.
Una via che Yamanka sembra aver trovato, con un “cocktail” di quattro molecole miracolose che sdifferenziano le staminali adulte in embrionali.
Forse abbiamo trovato le “cellule etiche”…la speranza della soluzione a molte cure non è ancora svanita.

Un bel libro, sicuramente da leggere.”

fonte: http://www.anobii.com/books/Staminalia/9788860889102/01a180be8e178c3f3c/

Armando Massarenti

(Eboli1961) è un filosofo ed epistemologo italiano.

È responsabile della pagina “Scienza e filosofia” del supplemento culturale Il Sole-24 Ore Domenica, dove si occupa, dal 1986, di storia e filosofia della scienza, filosofia morale e politica, etica applicata, e dove tiene la rubrica Filosofia minima.

Il suo ultimo libro è Staminalia. le cellule etiche e i nemici della ricerca, (Guanda, Milano, 2008), una ricostruzione del dibattito etico e scientifico sulla ricerca sulle staminali. Il volume è uscito proprio nel momento in cui il neopresidente degli Stati Uniti, Barack Obama, annunciava la sua intenzione di abolire, come primo atto della sua presidenza, i divieti voluti da George Bush sui finanziamenti pubblici alla ricerca sulle staminali embrionali. All’annuncio di Obama la Chiesa cattolica ha reagito ribadendo al propria contrarietà a tali ricerche, sostenendo l’inutilità, oltre che l’immoralità, di tali ricerche. Una tesi criticata in Staminalia attraverso un’ampia documentazione scientifica e rigorose argomentazioni etichel La tesi del volume è che, come peraltro sostiene l stragrande maggioranza dei biologi, in un ambito così promettente ma anche così aperto, la libertà di ricerca va perseguita in ogni ambito, sia in quello delle staminali adulte sia in quello delle embrionali.

Staminalia è stato anche recensito da Elena Cattaneo sulla rivista Nature.

fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Armando_Massarenti

Il sito di A.Massarenti su “Il Sole 24 ore”: http://armandomassarenti.nova100.ilsole24ore.com/

recensioni di Elena Cattaneo su Nature, di Edoardo Boncinelli sul Corriere della sera e di Umberto Veronesi sul Sole 24 Ore

Interviste a Radio 3 Scienza a Radio24 (Moebius) a Radio1 (Nudo e crudo) a Radio radicale a Radio Città Fujikco e a La 7

Lo Speciale di Darwin, bimestrale di divulgazione Scientifica


Consiglio di leggere la recensione di Elena Cattaneo pubblicato su Nature (http://www.nature.com/nature/journal/v456/n7221/full/456444a.html) .

Il punto di vista di una ricercatrice “sul campo” è molto utile per capire ,e ribadire, che in Italia ci sono prese di posizione che non sempre rappresentano l’opinione pubblica e che , al fine di tutelare alcuni, vietano la libertà di scelta di altri.
I mass-media non sembrano svolgere il loro lavoro in modo eccelso, nel senso del rispetto di una deontologia professionale che sembra essere lungi da molte categorie di lavoratori.
Le limitazioni da regime totalitario riguardano anche l’aborto,  la medicina, la ricerca sulle cellule staminali.
Talvolta vengono dimenticati i concetti di pluralismo ideologico, religioso, di opinione; sempre più spesso il concetto di rapporto rischio / beneficio non viene messo in conto.
Chi ci Governa e chi Guida Spiritualmente milioni di persone dovrebbe essere pluralista…dovrebbe rispettare tutti, non pochi adepti.


NOI VIVIAMO DI SCIENZA!!

“Non dobbiamo permettere che considerazioni politiche, considerazioni che lasciano il tempo che trovano , stabiliscano il programma della ricerca scientifica.
Certo, può darsi che alcune delle verità che scopriremo ci metteranno a disagio, viste le nostre attuali circostanze; tuttavia, è con quelle circostanze, e non con le verità della natura, che i politici dovrebbero confrontarsi.
Come capivano benissimo i bambini irlandesi che frequentavano le scuole nelle siepi, la conoscenza, per quanto acquisita tra mille difficoltà, è sempre preferibile all’ignoranza.”

tratto da: DNA, il segreto della vita”
di James D. Watson
“Gli Adelphi”, ISBN: 88-459-2051-8

“Sei Pezzi facili” di R.P.Feynman

Se è vero ( come lo è ) che la Fisica è la Scienza Prima, la Medicina non è che una specializzazione di questa….c’è da dire che , quest’ultima, è permeata anche da una bella dose di Arte.

E allora vi consiglio di leggere il seguente libro.

Immagine di Sei pezzi facili

Una Fisica diversa, ma non meno accademica; illuminante.

“Il libro “Sei Pezzi Facili” di Feynman è una raccolta di lezioni Univeristarie che il professore ha tenuto agli inizi degli anni ’60 dello scorso secolo.
Nella prefazione il professore presenta questo “esperimento didattico” finalizzato alla presentazione della fisica in modo molto più interessante, mediante la descrizione di fenomeni conosciuti a tutti.
La parte iniziale tratta gli argomenti di fisica classica, introducendo la struttura atomica e molecolare. Segue l’analisi dei vari fenomeni fisico-chimici quali l’evaporazione o il concetto di pressione, sempre utilizzando una descrizione alternativa ma interessante ed estremamente esplicativa.
Interessantissimo è anche il capitolo che analizza le applicazioni della fisica nelle varie branche della scienza; si comprende che, effettivamente, la fisica è alla base di tutte le “specializzazioni” scientifiche.
Un particolareggiato capitolo tratta le leggi che regolano il moto dei pianeti, contornate da riferimenti storici ai grandi sicenziati del passato (Newton, Galileo,ecc.).
L’ultima parte del libro credo sia la più difficile e richiede un minimo di basi teoriche precedentemente acquisite (ricordiamo che questo lbro è un “sunto” di lezioni univeristarie, ovvero post-liceali).
L’argomento trattato è la meccanica quantistica che, secondo Feynman, non è di difficile comprensione se si comprende che le leggi che regolano le forze subatomiche sono totalmente diverse da quelle vigenti.
Secondo il Professore bisogna comprendere che tale teoria è “astratta” ed in quanto tale di diversa ( e non di difficile ) comprensione.
Altamente esplicativi sono gli esempi per spiegare il principio di indeterminazione di Heisenberg.

In definitiva, un libro illuminante.

Sicuramente da leggere.”

Commento di DoctorGray N.H.I.

Fonte: http://www.anobii.com/books/Sei_pezzi_facili/9788845915512/017c30d26f0873bf73/

FISICA: I fenomeni naturali e la loro descrizione

Immagine di Fisica

“Libro semplice, chiaro, conciso, sufficientemente illustrato (qualche immagine più interessante sarebbe stata gradevole!), ricco di esempi “reali” e quindi piu accattivanti!
I Prof. sono veramente bravi lezione, catturano l’attenzione e stimolano allo studio…fanno capire che la Fisica non è una scienza “aliena” da quella che è la pratica medica!!”

Fonte: http://www.anobii.com/books/Fisica/9788874880607/01dadb6efc9e5b9f18/

Pietra Miliare N°2

 

Seconda Pietra Miliare nella Bibliografia Scientifica.

biologia1.jpg
“Biologia” di Neil A. Campbell (nuova edizione)